PCTO 4.0: Il nuovo progetto digitale di alternanza scuola-lavoro ai tempi del Covid-19

Videolezioni con professionisti della chimica industriale, tour virtuali dello stabilimento, pillole formative, mentoring, laboratori a distanza: sono queste alcune delle attività previste dal nuovo programma voluto dalla sede Solvay di Spinetta Marengo e l’IS Ascanio Sobrero di Casale Monferrato per il Percorso per le Competenze Trasversali e l’Orientamento (PCTO)degli studenti delle scuole superiori di secondo grado.

Solvay_invito

L’emergenza Covid-19 ha colpito, tra gli altri, anche scuole e università di tutto il mondo che hanno dovuto interrompere tutte le attività educative in presenza e ripensare i progetti di alternanza scuola-lavoro. Per continuare ad essere un riferimento e motivare i ragazzi nel loro percorso scolastico e di orientamento al lavoro, lo stabilimento Solvay di Spinetta Marengo e l’IS A. Sobrero rinnovano la ultradecennale collaborazione, attivando un programma studiato appositamente per rispondere alle esigenze del contesto emergenziale.

Il progetto, che partirà nel mese di Febbraio 2021, prevede una serie di occasioni di incontro-confronto online con varie figure professionali Solvay, sia italiane (come già avvenuto in passato) ma da quest’anno anche internazionali grazie a collegamenti online con dipendenti Solvay di altri siti produttivi nel mondo. A questo si aggiungono videolezioni, tour virtuali dello stabilimento, pillole formative, mentoring con tutor e laboratori didattici.

Siamo molto orgogliosi di essere riusciti a rinnovare la collaborazione con l’Istituto Sobrero anche in questo anno così complicato per tutti” afferma Andrea Diotto, Direttore dello stabilimento Solvay Spinetta Marengo. “Da sempre abbiamo un dialogo aperto e collaborativo con la comunità locale e il rapporto con le scuole è ormai consolidato: vogliamo continuare a trasferire il nostro know-how, far conoscere il contesto aziendale, i valori, l’impegno in sostenibilità, la chimica dei prodotti fluorurati e la loro applicabilità industriale stimolando la curiosità degli studenti”.

Ringraziamo ancora una volta lo stabilimento Solvay di Spinetta Marengo che ci ha permesso di continuare ad offrire ai nostri ragazzi una proposta formativa interessante e valida per l’acquisizione di competenze professionalizzanti che consentirà loro di approfondire la conoscenza di una realtà industriale importante nel panorama italiano ed internazionale” commenta Riccardo Rota, Dirigente scolastico dell’IS A. Sobrero.

Con l’entusiasmo che da sempre ci contraddistingue, abbiamo accettato la sfida di provare a trovare una modalità nuova che potesse garantire una continuità del percorso di alternanza scuola-lavoro in un momento così difficile per il paese e per i nostri giovani” spiega Paolo Bessone, HR Manager dello stabilimento Solvay Spinetta Marengo. “Grazie ad un team che ha lavorato con grande entusiasmo alle idee e ai contenuti, possiamo oggi offrire agli studenti del Sobrero un percorso formativo che, seppur in DAD, siamo certi sarà per loro interessante e costruttivo”.

I nostri ragazzi quest’anno hanno dovuto adattarsi ad una nuova scuola, e nonostante le criticità grazie ad essa hanno scoperto anche come la tecnologia può ridurre le distanze e superare i confini. La nostra intenzione è non lasciarli soli, ma proporre tante diverse attività da fare insieme a loro, in continuo contatto con il mondo del lavoro. Grazie al progetto costruito a quattro mani con Solvay e su misura per i nostri studenti che per la chimica hanno una vera passione, siamo convinti che li vedremo attivamente coinvolti, così come lo è stato negli anni passati" conclude Maria Claudia Pasini, Coordinatrice dell’iniziativa presso l’IS A. Sobrero.

Inoltre, grazie alla collaborazione e al sostegno di Confindustria Alessandria, Federchimica e l’Università del Piemonte Orientale, gli studenti potranno assistere a lezioni ad hoc con alcuni rappresentanti delle due associazioni e dell’ateneo.

 

Imparare lavorando

Il primo apprendistato duale attivato con l’Istituto Tecnico Industriale “Ascanio Sobrero” di Casale Monferrato a fine 2018 è solo l’ultima di una lunga serie di collaborazioni che vedono stabilimento e scuola dialogare in modo stretto e proficuo.

instituto A-sobrero

Solvay da oltre 10 anni è infatti attivo promotore dell’alternanza scuola-lavoro per cui circa 300 studenti sono stati accolti nei laboratori di controllo qualità e all’interno dei servizi tecnici, nonché dell’apprendistato professionalizzante che è stato lo strumento per inserire 120 ragazze e ragazzi, tra i migliori diplomati tecnici della nostra Provincia.

Protagonista di quest’ultima avventura è Ilaria Mercadante, giovane studentessa con la passione per la chimica e una forte motivazione che è stata assunta con un regolare contratto di lavoro per la durata dell’intero anno scolastico. Ilaria ha dovuto lavorare e studiare, alternare giornate a scuola (per un terzo del monte ore previsto) a giornate in azienda (per i restanti due terzi), in una logica di rivisitazione in chiave moderna dello studente lavoratore che consegue il titolo di studio anche grazie alle ore di formazione teorica e di training on the job svolte in azienda.

Ilaria è stata inserita come analista presso il Laboratorio Fluidi di Spinetta Marengo, seguita dalla tutor aziendale – e responsabile del laboratorio - Silvia Rossi, un’opportunità unica per apprendere tecniche analitiche complesse e approcciare metodi non disponibili in un laboratorio scolastico.

Tutto ciò è reso possibile dall’accurata e preliminare progettazione congiunta tra scuola e azienda, che deve necessariamente tenere conto sia dei fabbisogni formativi, sia di quelli professionali. Solvay e l’Istituto Sobrero sono testimoni di una preziosa sinergia, essendo riusciti a costruire insieme un percorso in cui l'azienda stessa interviene quale ente educativo, sostituendosi alla scuola nel trasferire alcune conoscenze e competenze del programma ministeriale.

Il modello dell’apprendistato professionalizzante, declinato utilizzando i piani formativi individuali del CCNL (Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro) Chimico - ulteriormente migliorati dal confronto con le Rappresentanze Sindacali - ha permesso al 90% dei giovani apprendisti di consolidare il loro rapporto di lavoro con Solvay.

 

Le tappe di questa favorevole sinergia

Dopo anni di collaborazione fra l'Istituto Sobrero e lo stabilimento, durante i quali sono state organizzate sia giornate aperte agli studenti per permettere loro di “scoprire” l'impianto e alcuni stage estivi dedicati alle classi Quarte e Quinte, nel 2007 è stato varato un nuovo importante Progetto educativo. L'obiettivo è avvicinare gli studenti al mondo del lavoro e creare un punto d'incontro concreto tra scuola e realtà produttiva. Gli ottimi risultati conseguiti nel 2007 hanno spinto la Direzione dell'impianto e l'Istituto “Sobrero” a rinnovare l'impegno per la definizione di un nuovo Progetto di Alternanza Scuola-Lavoro che fino ad oggi si è arricchito grazie al trasferimento della parte didattica presso il Centro Ricerche di Solvay a Bollate. Nel 2012 il progetto prende il nome di GIOCHI…AMO L’ASSO, acronimo delle parole che meglio rappresentano lo spirito del progetto: GIOVANI, CHIMICA, AMORE (ndr. inteso per la chimica), LAVORO, ALTERNANZA, SOBRERO, SOLVAY.

Cento progetti realizzati da studenti di tutta Italia, ma è il Sobrero a vincere il concorso “Piano nazionale Lauree Scientifiche”.

DSC02501

Nel 2011 ad aggiudicarsi il primo premio la classe 5° dei Periti Chimici dell’Istituto “Ascanio Sobrero” di Casale. Obiettivo del concorso, indetto per celebrare l’anno internazionale della chimica, è stato dimostrare come il coordinamento fra università, scuola e Confindustria potesse costituire un’opportunità concreta per gli studenti. I futuri periti chimici casalesi hanno sbaragliato la concorrenza con “Solarchem 2011”, progetto incentrato sull’energia solare, realizzato grazie all’aiuto dei ricercatori di Solvay Specialty Polymers, raggiungendo il primo premio (ex aequo). Ancora una volta il “Sobrero” e la Solvay si sono legati con successo. Il 15 dicembre 2011 alla Accademia dei Lincei alla presenza del Ministro Prof. Francesco Profumo, è stato consegnato il meritato premio, ad alcuni studenti del Sobrero, accompagnati dai docenti Filomena Cristaldi, Maria Claudia Pasini ed Emanuele Melis.

 

Docenti in visita allo stabilimento e Career Day

Sobrero Carrier day

Nella primavera 2014, circa 30 docenti, accompagnatori dei giovani coinvolti nei Giochi Nazionali della Chimica organizzati dall’istituto, hanno fatto visita allo stabilimento Solvay di Spinetta Marengo. La giornata è stata l’occasione per poter visitare i laboratori, la sala quadri e il recente impianto PFR.

Nel giugno dello stesso anno Solvay ha inoltre partecipato al Career Day, giornata organizzata per fare incontrare scuola e mondo del lavoro. Dopo una presentazione dell’azienda e dei profili professionali più ricercati, i ragazzi hanno potuto mettersi alla prova con le simulazioni di colloquio. Solvay ha suscitato l’interesse degli studenti della classe Periti Chimici e di alcuni studenti esterni intervenuti per presentare la propria candidatura in quanto il Sobrero svolge, per la zona di Casale, anche il ruolo di Centro di Orientamento.

 

La scuola che cambia. Nuove esperienze.

Il 3 Agosto 2016, durante la trasmissione Superquark è stato trasmesso a livello nazionale su Rai Uno un reportage sulla lunga collaborazione dello Stabilimento Solvay di Spinetta con l'Istituto Chimico Sobrero di Casale Monferrato nel progetto di alternanza scuola-lavoro. Il progetto, partito nel 2007, ha accolto più di 400 studenti con oltre 40 chimici dell'Istituto assunti a Spinetta fino ad oggi.

Guarda il servizio andato in onda su Rai Uno: La scuola che cambia nuove esperienze.