Videolezioni con professionisti della chimica industriale, tour virtuali dello stabilimento, pillole formative, mentoring, laboratori a distanza: sono queste alcune delle attività previste dal nuovo programma voluto dalla sede Solvay di Spinetta Marengo e l’IS Ascanio Sobrero di Casale Monferrato per il Percorso per le Competenze Trasversali e l’Orientamento (PCTO) degli studenti delle scuole superiori di secondo grado.

Conferenza stampa pcto maggio 2021

Al termine del progetto si è fatto un primo bilancio, mercoledì 26 maggio, nel corso di un'ampia ed esaustiva conferenza stampa a cui hanno partecipato Laura Pellegrinelli (Rappresentante USR Piemonte, a supporto dello staff tecnico), Pierangela Dagna (Dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale AL-AT), Maria Teresa Ingicco (Dirigente Tecnico USR Piemonte), Federico Riboldi (Sindaco di Casale Monferrato),Marinella Bonomo (Confindustria) Enrico Boccaleri (Docente Università Piemonte Orientale), Elena Pedrazzini (Anpal – Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro). E poi Sanzio Evangelisti (rappresentante genitori),gli alunni del 'Sobrero' che hanno partecipato al progetto, Andrea Diotto (Site Manager Solvay Spinetta), Paolo Bessone (Human Resources Site Manager Solvay Spinetta ), Federico Frosini (Productiono Unit Manager in Cina – Solvay), Salvatore Guercio ( Advanced Process Control Engineer Solvay).

Invito pcto dicembre 2020

L’emergenza Covid-19 ha colpito, tra gli altri, anche scuole e università di tutto il mondo che hanno dovuto interrompere tutte le attività educative in presenza e ripensare i progetti di alternanza scuola-lavoro. Per continuare ad essere un riferimento e motivare i ragazzi nel loro percorso scolastico e di orientamento al lavoro, lo stabilimento Solvay di Spinetta Marengo e l’IS A. Sobrero rinnovano la ultradecennale collaborazione, attivando un programma studiato appositamente per rispondere alle esigenze del contesto emergenziale.

Il progetto, partito a Febbraio 2021,  è stato strutturato con una serie di occasioni di incontro-confronto online con varie figure professionali Solvay, sia italiane (come già avvenuto in passato) ma da quest’anno anche internazionali grazie a collegamenti online con dipendenti Solvay di altri siti produttivi nel mondo. A questo si aggiungono videolezioni, tour virtuali dello stabilimento, pillole formative, mentoring con tutor e laboratori didattici.

Due mesi di lezioni durante le quali, più di 50 studenti hanno potuto viaggiare virtualmente all’interno di altri siti produttivi collegandosi con i colleghi di Bollate, Changshu (Cina), Borger (America), Tavaux (Francia) e Panoli (India); conoscere i nostri laboratori e le principali tecniche analitiche; approfondire il concetto di Sicurezza; incontrare varie figure professionali e studiare i polimeri fluorurati, la loro sostenibilità e la loro applicazione a livello industriale. Sono intervenuti in alcuni incontri Federchimica, Confindustria, ANPAL (Agenzia Nazionale Politiche attive Lavoro), nonché professori dell’Università del Piemonte Orientale che hanno raccontato la loro realtà, svolto lezioni e approfondito argomenti ad hoc,  trattando complessivamente circa 70 tematiche diverse, in 100 ore di collegamenti. Nella seconda parte del progetto gli allievi, suddivisi in 12 gruppi, hanno eseguito ricerche, scegliendo ed approfondendo alcuni dei temi trattati per elaborare una tesina sotto la guida esperta dei tutor aziendali. Al termine del percorso formativo, hanno presentato sul palco dell’Aula Magna Sobrero i loro lavori.

Siamo molto orgogliosi di essere riusciti a rinnovare la collaborazione con l’Istituto Sobrero anche in questo anno così complicato per tutti” afferma Andrea Diotto, Direttore dello stabilimento Solvay Spinetta Marengo. “Da sempre abbiamo un dialogo aperto e collaborativo con la comunità locale e il rapporto con le scuole è ormai consolidato: vogliamo continuare a trasferire il nostro know-how, far conoscere il contesto aziendale, i valori, l’impegno in sostenibilità, la chimica dei prodotti fluorurati e la loro applicabilità industriale stimolando la curiosità degli studenti”.

Ringraziamo ancora una volta lo stabilimento Solvay di Spinetta Marengo che ci ha permesso di continuare ad offrire ai nostri ragazzi una proposta formativa interessante e valida per l’acquisizione di competenze professionalizzanti che consentirà loro di approfondire la conoscenza di una realtà industriale importante nel panorama italiano ed internazionale” commenta Riccardo Rota, Dirigente scolastico dell’IS A. Sobrero.

PTCo conferenza stampa foto

Con l’entusiasmo che da sempre ci contraddistingue, abbiamo accettato la sfida di provare a trovare una modalità nuova che potesse garantire una continuità del percorso di alternanza scuola-lavoro in un momento così difficile per il paese e per i nostri giovani” spiega Paolo Bessone, HR Manager dello stabilimento Solvay Spinetta Marengo. “Grazie ad un team che ha lavorato con grande entusiasmo alle idee e ai contenuti, possiamo oggi offrire agli studenti del Sobrero un percorso formativo che, seppur in DAD, siamo certi sarà per loro interessante e costruttivo”.

I nostri ragazzi quest’anno hanno dovuto adattarsi ad una nuova scuola, e nonostante le criticità grazie ad essa hanno scoperto anche come la tecnologia può ridurre le distanze e superare i confini. La nostra intenzione è non lasciarli soli, ma proporre tante diverse attività da fare insieme a loro, in continuo contatto con il mondo del lavoro. Grazie al progetto costruito a quattro mani con Solvay e su misura per i nostri studenti che per la chimica hanno una vera passione, siamo convinti che li vedremo attivamente coinvolti, così come lo è stato negli anni passati" conclude Maria Claudia Pasini, Coordinatrice dell’iniziativa presso l’IS A. Sobrero.